IL NOME

  "A tutti i livelli di civiltÓ, fin dai tempi pi¨ remoti una delle preoccupazioni fondamentali dell'uomo Ŕ stata la ricerca delle sue origini. Ancora oggi gli uomini, non sapendo dove sono diretti, nutrono lo stesso desiderio dei loro antenati di sapere da dove provengono".
(Leroi-Gourhan, "Il gesto e la parola" - Tecnica e linguaggio - Einaudi)

Il nome della Compagnia Teatro "Fueddu e Gestu" scaturisce dall'idea di un confronto, riflessione e studio dei promotori della Cooperativa sul ruolo del teatro oggi, nelle comunitÓ della Sardegna.
Quando abbiamo definito il nome della Compagnia - sintetizza Giampietro Orr¨ - l'idea era quella delle parole "fueddu" e "gestu" (parola e gesto) come componenti essenziali dell'azione teatrale.
Parola e gesto, nel giusto equilibrio e interazione. L'una come espansione dell'altra. Le due parole, ovviamente in sardo, dovevano mettere in rilievo le due manifestazioni fondamentali della comunicazione, nell'accezione identitaria di lingua e cultura sarda: Fueddu e Gestu. Al momento di decidere il nome della Compagnia, nel 1980, alcuni di noi avevano appena letto il saggio di Leroi-Gourhan "Il gesto e la parola".
ů certo, c'Ŕ un dubbio: viene prima il gesto o la parola? Io sono convinto che il gesto venga prima, ma in sardo-campidanese suonava meglio "Fueddu e Gestu" piuttosto che "Gestu e Fueddu"ů Constatato che "qualcuno" ha detto che "in principio era il verbo" e qualcun altro il suono... beh, a questo punto, tanto vale che questo difetto contratto alla nascita resti un segno particolare che ci contraddistingue...

Giampietro Orr¨

 

Fueddu,
s.m. parola, detto, termine, vocabolo, dizione, motto. Fueddu piccanti, detto pungente, zaffata. Perdiri su fueddu, o lingua, beniri mudu, perder la favella, ammutare, ammutire, ammutolire, ammutolirsi. Negai su fueddu a unu, tener favella a uno. Pappaisinci is fuddus, fognar le parole, ammozzarle, mangiarle. Beniri a fueddus, a disputa, attaccar lite a uno, venire a contesa di parole, prender gara con uno. Giogu de fueddus, bisticcio. Fueddus inutilis, borra di parole.
[Vincenzo Raimondo Porru, "Nou dizionariu universali Sardu-Italianu"].

Faeddu,
m. Log. voce, parola ,lingua, dialetto. Benner a faeddu, venir in discorso.
[Giovanni Spano, "Vocabolario Sardo-Italiano e Italiano-Sardo", Arnaldo Forni Editore, 1852, Ristampa anastatica].

FaÚdhu,
n. m, favedhu, foedhu, fuedhu- onzuna peraulas de una limba;sa capatzidade de faedhare, bida fintzas coment'e su contrariu de su fÓghere; su saludare addaghi duos s'abbojan apare. Es.: donai su faedhu, impromitere; benni a fuedhus, faedhare coment'e brighende; tenni fuedhus cun unu, leÓresi perÓulas, narreresi carchi perÓula de tropu, de si ofÚndhere; Paragula/saludu- tota s'istoria de sos p˛pulos est depositada in sos faedhos- no de solu pani at a bivi s'˛mini, ma de d˛nnia fuedhu chi essit de sa buca de Deus- si tropedit nandhe duos favedhos-sos antigos naraian chi est sinnu de mente zusta a narrer sos faedhos chi bi deghen ebbia (Paolo Pillonca).
[Mario Puddu, "Ditzionariu de sa Limba e de sa Cultura Sarda", Edizioni Condaghes, 2000].

Gestu,
m. Dial. Com. gesto. Fagher gestos, gesteggiare. Gestu malu, de beffa, sberleffo.
[Giovanni Spano, "Vocabolario Sardo-Italiano e Italiano-Sardo", Arnaldo Forni Editore, 1852, Ristampa anastatica].

Gestu,
s.m. gesto - fai gestus, fare sberleffi; - cussus gestus faýddus a babbu tuu e a mamma tua, quei gesti falli ai tuoi genitori; - no fazzas unu g. o ses mortu, non fare un gesto o sei morto.
[Giovanni Casciu, "Vocabolariu Sardu Campidanesu-Italianu", Edizioni Grafica del Parteolla, 1999]

Gestu,
n.m = zenia de m˛ida chi si faghet cun sas manos o cun sa cara cherindhe narrer carchi cosa, mescamente a befe / donai su gestu a is figuras= p˛nnerelas o fÓgherelas de una manera de parrer zente faedhendhe ofaghindhe; sin. Ingestu.
[Mario Puddu, "Ditzionariu de sa Limba e de sa Cultura Sarda", Edizioni Condaghes, 2000].

Gestu,
n.m Gesto; Gestu ingiuriosu de beffa, sberleffo; fai gestus, gestire, gesteggiare; donai su gestu a is figuras, atteggiare, animare le figure, dar loro il gesto.

Ingestu,
n.m.(t.r. = trassa rustica) Poniri in gestu; Mer. Gestu. Ingestus, pl. Fai ingestus.
[Vissentý Porru, "Dizionario della Lingua Sarda Campidanese", Edizioni 3T, 1981].

dal latino Gestus, us,
m., maniera di portarsi, atteggiamento, movimento, gesto e specialm. = gesto, gesticolazione (dell'oratore e dell'attore): in gestu motuque, nei gesti e nei movimenti(delle persone), Cic. Off. 1, 130; Gestu rogare, domandare con cenni, Ov.;
...Per gestum res significando mihi, debbo ricorrere a segni per esprimere la cosa, Ov. Trist. 5,10,36; Gestus orationis, atteggiamenti del discorso, Cic, Or. 83.
[Castiglioni-Mariotti, "IL-Vocabolario della Lingua Latina", Loescher Edizioni, 1990].

 

Cooperativa Teatro Fueddu e Gestu
www.fuedduegestu.it